fbpx

Chiamaci  +39 02 495 395 73

20122 Milano, Italy - Via dei Pellegrini, 18

Contattaci

info@coachingroup.it

smartworking senza stress a casa donna che beve caffè e lavora a pc sul letto

Smart working efficace e senza stress. Migliora la tua produttività e motivazione.

  • matteo molinari
  • 20/03/2020

Perché per molti lo smart working non funziona bene come prima? Come mai è più stressante lavorare da casa?
Che differenza c’è fra lo smart working che tanto abbiamo cercato e voluto e il lavoro da remoto ai tempi del Corona Virus?
Perché prima ti piaceva, ti faceva stare bene mentre oggi invece ti sta disorientando e rendendo meno efficace?

Semplice, perché prima era desiderato, oggi è obbligatorio; prima durava uno o due giorni alla settimana, ora è tutti i giorni e non se ne vede la fine.
Per chi ha famiglia ci sono le distrazioni date anche dalla presenza dei figli – piccoli o grandi che siano – con le esigenze individuali, le frustrazioni da spazio, noia, mancanza degli amici e compagni di scuola!
Chi invece vive da solo sente ancor più la mancanza dello scambio col collega, delle quattro chiacchiere alla macchinetta del caffè.”

Quindi come fare per tenere dritta la barra del timone, ritrovare un po’ di concentrazione e ottenere il meglio da questa nuova particolare esperienza?

In effetti questo momento può essere utile anche per scoprire cosa ci occorre per restare motivati ed attivare le strategie utili per auto-sostenerci.

Eccoti qualche piccolo trucco da usare e le soft skills da sviluppare sulle quali puoi puntare.

Progetta ed organizza lo spazio lavoro

Organizzare bene gli spazi e gestire il tempo è fondamentale perché lo smart working sia il più efficace possibile, comincia subito a mettere in pratica alcune semplici azioni che ti possono aiutare:

  • Stabilisci uno spazio di lavoro ben definito, anche se magari provvisorio. In fondo in molte multinazionali non c’è più da tempo la propria scrivania: si sceglie uno spazio e terminato il lavoro lo si lascia libero riponendo ogni cosa nel proprio armadietto.
  • A casa, in mancanza dell’armadietto aziendale, puoi utilizzare una borsa da PC dove ricoverare tutto fra una sessione lavorativa e l’altra.

Time Management lavorando da casa

Una competenza fondamentale da mettere in pratica è la Gestione efficace del tempo:

  • Comunica ai tuoi famigliari gli orari di lavoro che vuoi mantenere e se hai qualche telefonata, webinar o web-call per cui in un determinato momento ti sarà necessario maggior silenzio o privacy. Comunicare efficacemente riduce l’insorgere di situazioni conflittuali e quindi lo stress.
  • Fissa degli orari precisi, compreso quello della pausa caffè. Sicuramente questo aiuta te stesso e gli altri che così sapranno chiaramente quando potranno interromperti e quando no (funziona benissimo anche coi bimbi in età da asilo, provato e garantito 😉).
smartworking-senza-stress-time-management

L’automotivazione lavorando da remoto

  • Definisci bene i tuoi obiettivi di lavoro s.m.a.r.t., fai una check list delle attività, stabilisci delle priorità e le scadenze, immaginando quanto tempo – realisticamente – ti occorrerà per portarle a termine.
  • Festeggia il raggiungimento dei tuoi obiettivi: condividi il tuo successo coi famigliari e ringraziali per averti sostenuto rispettando i tuoi spazi e tempi. E’ una competenza basilare del team-working. 😉
  • Se vivi solo, premiati. La ricompensa può essere qualsiasi cosa, anche piccola, che ti faccia sentire appagato e pronto a ripartire verso il nuovo obiettivo.
  • Istituisci delle nuove routine per mantenere una scansione il più simile possibile a quella che avresti utilizzato in ufficio come, ad esempio, mantenere la sveglia alla stessa ora.
  • Stabilisci in anticipo dei check point per confrontarti con i tuoi colleghi di riferimento.

questo è importantissimo per mantenerti motivato ad essere puntuale con le scadenze”

  • Fissa dei video coffee break con qualche collega ritrovandoti su WhatsApp o Skype. Sorseggiare il vostro caffè al telefono sarà un piacere, un po’ come essere davanti alla vostra macchinetta del caffè preferita.

Che tu sia fra le persone più proattive, che si inventano le attività da svolgere immaginando di utilizzare il tempo per recuperare gli arretrati, per inventarsi qualcosa di nuovo, oppure che sia fra coloro che invece hanno un approccio più da “follower”, che “seguono il flusso delle richieste” che arrivano via mail o telefono, sicuramente avrai individuato anche altre strategie di automotivazione.

Condividile qui sotto, sarà sicuramente di ispirazione a qualcuno! Grazie.


Di Maria Rosa (Ioia) Rocco

Executive coach e Managing Director di The Coachingroup

Nessun commento

Lascia un commento