fbpx

Chiamaci  +39 02 495 395 73

20122 Milano, Italy - Via dei Pellegrini, 18

Ragazzo guarda all'interno di un binocolo. Metafora della ricerca della conoscenza di sé stessi

Conoscere sé stessi con due semplici strumenti.

  • Coachingroup_admin
  • 28/02/2020

Conoscere sé stessi: sì, ma come? In questo articolo vedremo due semplici strumenti che favoriscono la comprensione di sé stessi. In particolare, ti mostreremo come costruire e compilare il tuo personale diario sinottico e ti presenteremo la soluzione degli assessment. Sarai poi tu a decidere quale strada percorrere per scoprire la tua unicità e le tue potenzialità.

Conoscere sé stessi: desiderio senza tempo

L’uomo è sempre stato affascinato dalla scoperta del proprio mondo interiore. Basti pensare come “Gnōthiseautón” (conosci te stesso) era la scritta che spiccava sul frontone del tempio dedicato al Dio Apollo a Delfi.

Per secoli questo desiderio ha influenzato i più importanti filosofi, scrittori e scienziati.
Possiamo citare a nostro supporto, Socrate e l’arte della maieutica (la stessa che usa il coach), che consiste nel mettere in grado l’allievo, mediante il dialogo, di acquisire progressiva consapevolezza della verità che è dentro di lui, oppure Hermann Hesse:

La vera vocazione di ognuno è una sola, quella di conoscere se stessi.”

Questa intensa aspirazione di comprendere sé stessi è incredibilmente attiva ancora oggi… ma se in passato ci rivolgevamo ad un oracolo, oggi quali sono gli strumenti che abbiamo a disposizione?

Capire sé stessi con lo strumento del diario sinottico

Uno dei modi più semplici, intuivi ed economici per conoscere sé stessi, è scrivere un diario personale in stile sinottico: ovvero conforme a un criterio riassuntivo e schematico. L’utilità della tenuta di un diario è confermata dal fatto che di diari, la storia dell’uomo ne è piena: basti pensare a tutti i diari scritti dai capitani delle navi, dai militari dell’esercito e dalla gente comune.

Quali sono i vantaggi del diario sinottico?

Grazie all’uso di carta e penna (ieri) o di pc e tastiera (oggi) il diario permette di:

  • fare chiarezza sugli avvenimenti che ti coinvolgono;
  • individuare comportamenti, capacità e valori che ti contraddistinguono;
  • identificare strategie alternative per ottenere i risultati desiderati.

Ma come scrivere un diario utile alla comprensione delle proprie risorse e potenzialità?

Guida: come costruire il diario sinottico per conoscere sé stessi

Inizia suddividendo il tuo foglio reale o virtuale (scegli quello che più ti piace) in queste quattro colonne:

  1. Descrizione dell’evento
  2. Emozioni e sentimenti
  3. Azioni e comportamenti
  4. Apprendimenti

Poi, segui la guida che trovi qui sotto rispondendo alle domande presenti (sono suddivise per le sezioni che abbiamo appena individuato):

Colonna 1. Descrizione dell’evento: pensa ad una situazione che durante la giornata ti ha colpito e che ritieni essere stata, per te, importante. Focalizzati su un singolo evento. Abbiamo detto che uno dei vantaggi è fare chiarezza… bene, è giunto il momento. Una volta selezionato l’evento, inizia a scrivere rispondendo a queste domande: cosa è successo? Dove e quando? Chi era coinvolto?

Colonna 2. Emozioni e sentimenti: compila questa parte di diario pensando al come ti sei sentito/a in quella situazione e quali emozioni e sentimenti hai sperimentato. Se nell’evento importante erano coinvolte anche altre persone, pensa a come si sono sentite e quali emozioni hanno provato (se ne hai la possibilità domandaglielo direttamente oppure verificalo a posteriori con delle domande di controllo).

Colonna 3. Azioni e comportamenti: in questa sezione dovrai scrivere tutto ciò che riguarda le azioni e le abilità che hai messo in campo durante l’evento scelto. Che cosa ho fatto? Come l’ho fatto? Che cosa mi ha spinto ad agire in questo modo? Che effetti ho ottenuto?

Colonna 4. Apprendimenti: questa quarta colonna riguarda la riflessione sull’accaduto, collegando esperienza, emozioni, comportamenti e capacità otterrai dei preziosi apprendimenti. In quest’ultima divisione del tuo foglio scrivi dando risposta a queste domande: i miei comportamenti quali mie capacità hanno messo in evidenza? Quali competenze ho utilizzato? Cosa avrei potuto fare (o non fare) dire (o non dire) di diverso per ottenere un risultato migliore? Che cosa ho imparato di nuovo rispetto a me? Di che risorse interiori avrei avuto bisogno?

A questo punto avrai raccolto un buon numero di informazioni per conoscere te stesso e avrai identificato sia punti di forza sia aree sulle quali probabilmente vorrai allenarti.

Un consiglio: per usare questa metodologia di scrittura ed elaborazione dei contenuti, ritagliati uno spazio di tempo predefinito (15 min.) e scegli un buon posto che possa facilitare la concentrazione e la riflessione. Ricorda anche di segnare sempre la data in cui l’evento è stato vissuto.
Inizialmente puoi anche pensare di focalizzarti e descrivere una situazione a settimana e solo in un secondo momento redigere il tuo diario tutti i giorni.

Se hai scelto di iniziare a scrivere il tuo diario sinottico, che ne dici di farci sapere come sta andando nei commenti in fondo all’articolo?

Se, invece, vuoi andare oltre a questa prima soluzione, sei pronto per conoscere il secondo strumento che può aiutarti a comprendere te stesso? Andiamo a vederlo insieme!

Comprendere sé stessi con lo strumento dell’assessment

Vuoi comprendere qualcosa su te stesso e desideri avere un alto livello di attendibilità? In questo caso puoi utilizzare gli assessment: test, validati scientificamente, formati da domande a risposta multipla che forniscono un report completo e dettagliato sul profilo della persona.

La parola assessment deriva dal latino assidere, “sedere come giudice” e tradotta dall’inglese significa appunto “valutare, stimare, giudicare”; si può anche tradurre con: “accertare il valore (di qualcosa)”.

Ne esistono di differenti tipologie ed ognuno di essi evidenzia, a seconda dei casi, le nostre attitudini comportamentali, le indicazioni sul nostro personale sistema di valori , le nostre motivazioni più profonde e ci spiegano il perché del nostro comportamento…

Gli assessment sono molto utili per:

  • rilevare e valutare le tue attitudini e il tuo comportamento
  • riconoscere e sviluppare il tuo potenziale
  • verificare il possesso delle competenze necessarie per agire un cambiamento, ad esempio, lavorativo (es. verso un nuovo lavoro, verso un nuovo ruolo, etc…)

Qui di seguito entreremo nel merito di due specifici assessment:

  1. Il TTI Success Insights
  2. L’EIP3 – Emotional Intelligence Profile

Il TTI Success Insights misura quattro dimensioni del comportamento, ovvero come:

  • Affronti problemi e sfide
  • Influenzi gli altri con il tuo punto di vista
  • Rispondi all’andamento dell’ambiente
  • Rispondi a regole e procedure stabilite dagli altri

e fornisce un posizionamento (ce ne sono 60!), determinato da un mix di fattori tra cui l’orientamento alle persone, la versatilità, la coerenza e la competitività.

ruota self assesment
Esempio di posizionamento sulla ruota
del TTI Success Insights

Invece, l’Emotional Intelligence Profile misura il tuo livello di Intelligenza Emotiva.
Intelligenza Emotiva intesa come l’integrazione fra Emozioni, Pensieri e Azioni. Ha a che fare con il “pensare” le proprie Emozioni e con il “sentire” i propri Pensieri nel decidere quali azioni intraprendere.

L’Intelligenza Emotiva, secondo questo modello, è composta da due aspetti:

  • Intelligenza intra-personale – essere intelligenti nel comprendere cosa sta accadendo dentro di noi (Self Awareness) e agire di conseguenza (Self Management)
  • Intelligenza Interpersonale – essere intelligenti nel comprendere cosa sta accedendo agli altri e tra gli altri (Other Awareness) e agire di conseguenza (Relationship Management)
Report Intelligenza intra-personale
e interpersonale dell’EIP3

Questo questionario è molto utile per sviluppare al meglio le tue relazioni, partendo da quelli che sono i tuoi punti di forza e le aree sulle quali avresti bisogno di lavorare.

Se vuoi conoscere te stesso e sei interessato ad approfondire i benefici che uno di questi due assessment ti può dare, scrivici a info@coachingroup.it, saremo lieti di rispondere ad ogni tua esigenza.

Con tutto il nostro cuore, sia che tu scelga di scrivere il diario sia che tu decida per un assessment, sia che tu preferisca altre strade, ti auguriamo di poter comprendere te stesso e le tue qualità.

Non importa quanto lungo o difficile sia il cammino…

Cerca bene in te stesso
ciò che vuoi essere,
poiché sei tutto.
La storia del mondo intero sonnecchia in ognuno di noi.”

Gialal al-Din Rumi