Finding the Balance Between Coaching and Managing

 
Trovare l’equilibrio fra dirigere le risorse e far loro coaching. Sempre di più viene richiesto ai Manager di supportare la crescita dei propri collaboratori con attività di coaching. E sempre più i dipendenti si aspettano e desiderano un approccio di coaching da parte del proprio manager. Un’attività di coaching efficace infatti, dicono ormai i risultati di molte ricerche, non solo aumenta la produttività, la motivazione, la fidelizzazione dei collaboratori ma, aumenta in loro anche la percezione di avere come capo un vero leader. Ma essere un buon coach per i propri collaboratori non è automatico per tutti. Sono necessarie alcune qualità, sensibilità e abilità particolari oltre che alcuni specifici atteggiamenti mentali.
Nell’articolo che segue si parlerà di:

  1. saper distinguere quando essere direttivi e quando fare coaching;
  2. saper resistere alla tentazione di dare suggerimenti invece che aiutare il proprio collaboratore a trovare la sua migliore soluzione;
  3. mantenere la relazione adulto-adulto e non cadere nel ruolo di chi si sente l’esperto e vede l’altro come il novellino, o peggio, un bambino.

 
Leggi tutto l'articolo

Tags: